FareLatte.it

a cura di GrandaTeam

ANCHE LA TRANSIZIONE PUO' ESSERE DI PRECISIONE *

ANCHE LA TRANSIZIONE PUO' ESSERE DI PRECISIONE *

Gio, 31/01/2019 - 23:18 -- grandateam

Con una gestione “intelligente” delle bovine in pre- e post-parto, crolla l'incidenza delle malattie metaboliche, a tutto vantaggio di produzioni, fertilità e remuneratività aziendale. È questo l’obiettivo del progetto Transizione 4.0   di cui si è parlato a Cremona, in occasione del “Transition Day 2018”

 

Le tre settimane che precedono il partoe le tre settimane successive alla nascita delvitello costituiscono il momento clou delciclo produttivo del- la vacca dalatte. Il motore di una stalla, si potrebbe dire.

Se, infatti, attraverso una corretta gestione del pre-parto l'allevatore rie- sce a prevenire efficacemente le malattie tipiche del post-parto (ritenzio- ne placentare, ipocalcemia, chetosi, dislocazioni abomasali e mettiti), il ritorno economico è elevato: da un lato diminuiscono i costi terapeutici e il consumo di farmaci, e dall'altro aumenta la produzione al picco, migliorano i tassi di concepimento, si riducono i casi di riforma e aumenta la quota di rimonta volontaria.

È quanto hanno recentemente sottolineato a Cremona, in occasione del primo “Transition Day” - evento sponsorizzato anche da Allflex, Alta

Genetics e Ferraroni Mangimi - gli allevatori che hanno già applicato la Transizione 4.0”. Si tratta del progetto sviluppato da Granda Team che offre agli allevatori soluzioni “intelligenti” per una corretta gestione della transizione. In particolare gli specialisti Granda Team lavorano al fianco degli allevatori e insieme ai tecnici professionisti di campo, forti di un solido know how in ambito clinico, diagnostico e nutrizionale, per fare in modo che le bovine in transizione siano allevate in ambienti altamente confortevoli, e vengano ade- guatamente seguite per ciò che riguarda lo stato di salute, la condizione corporea, i livelli di ingestione pre- e post-parto e gli apporti nutrizionali (ambito in cui Granda Team pone particolare rilievo ai livelli di proteine e minerali contenuti negli alimenti utilizzati in fase di close-up).

CONTINUA A LEGGERE SCARICA L'ARTICOLO COMPLETO IN PDF  

Aggiungi un commento